Lara Franzoni 28 agosto 2014 0

Differenze tra psicologo e psichiatra

Esistono svariati pregiudizi, stereotipi e luoghi comuni riguardo all'immagine dello psicologo, che spesso viene visto come: quello da cui vanno i matti, quello che ti capisce a seconda di come ti siedi, quello che ti psicanalizza, colui che ti dice cosa devi fare, una persona buona che ti consiglia e ti conforta, il mago che ti cambia, uno spreco di soldi e di tempo, qualcuno che avrebbe potuto farci stare bene... se non fosse ormai troppo tardi!

Differenze tra psicologo e psichiatra

Spesso inoltre, per assonanza di nome, viene fatta confusione tra figure professionali che hanno invece ruoli diversi.
Di seguito qualche riga per comprendere la differenza tra psicologo, psicoterapeuta e psichiatra.

Psicologo

Un professionista laureato in Psicologia (conseguendo la laurea Specialistica attraverso un percorso della durata di 5 anni), abilitato all’esercizio della Professione e iscritto ad un Ordine regionale degli Psicologi. Opera per favorire il benessere delle persone, delle famiglie e dei gruppi.
Utilizza colloqui diagnostici e di sostegno, percorsi di consulenza, somministrazione test, interventi di formazione. In allineamento con i paesi europei, anche in Italia per essere abilitati a svolgere l’attività di Psicologo è necessaria la laurea specialistica (cinque anni). Per controllare se il professionista a cui ti rivolgi è uno Psicologo cercalo sull’Albo Nazionale che si trova qui: http://www.psy.it/

Psichiatra

Lo psichiatra è un Medico, laureato in Medicina e Chirurgia, che ha conseguito una formazione post-lauream in psichiatria. Lo psichiatra è il professionista che meglio di qualunque altro conosce i criteri per la prescrizione di psicofarmaci. Il suo intervento può essere prezioso in moltissimi disturbi mentali e appare persino indispensabile in altri.

Lascia un commento »